UN INCANTEVOLE IMPREVISTO – MARIANNE HAVANAGH

incantevole imprevistoE buongiorno cari amici! Come premesso ad alcuni di voi, adesso vi parlerò di un libro che ho terminato giusto ieri sera di leggere: Un incantevole imprevisto di Marianne Kavanagh. 

Buona lettura a tutti!

PREMESSA

Platone nel suo Simposio, ci narra un’antica leggenda. Ci racconta che in origine, gli esseri umani non erano come noi. Erano individui con quattro braccia, quattro gambe e due teste. Si viveva nell’armonia più assoluta. Con il passare del tempo, però, gli esseri umani iniziarono ad essere ostili con gli dei. Questi ultimi, per punirli, scagliando un fulmine sulla terra, li divisero a metà: un uomo e una donna.

Da quel momento in poi, siamo spinti a cercare la nostra metà per sentirci completi. Da qui, nasce il termine ANIMA GEMELLA. anima_gemella

 

TRAMA 

(RECENSIONE SOGGETTA A SPOILER)

La vicenda ha inizio a Londra.I protagonisti della vicenda sono due giovani di 25 anni: Tess e George. Lei, una vera e propria patita per gli abiti vintage. Lui, un meraviglioso pianista. Lei lavora per un’azienda “fantasma” che in realtà non esiste. Lui suona in una band che sta per sgretolarsi. Lei sogna di aprire una propria attività di compravendita di abiti vintage. Lui sogna di sfondare nel mondo della musica jazz. Lei è fidanzata da 9 anni con Dominic, il ragazzo perfetto che tutte le donne vorrebbero avere al proprio fianco. Lui non ha ancora trovato ” quella giusta”. Apparentemente sembra non avere nulla in comune, eccetto per il fatto che l’uno è l’anima gemella dell’altra. Ma loro non lo sanno ancora. Non lo sanno perchè non si sono mai visti.

Questa storia si basa sulla forza del destino e sull’incredibile mondo delle coincidenze.

Tess ha molti amici che occupano una parte fondamentale nella sua vita. Kirsty e Elle sono le colonne portanti della sua esistenza. Conoscono la loro amica meglio di quanto lei possa conoscere sé stessa e sanno che Dominic non è la sua anima gemella. L’uomo perfetto per lei è George.

Le vicende narrate risalgono al 2002 e continuano fino al 2012.Ben dieci anni di avventure, peccato, per lo più sbagliate.

Infatti, avvengono molti intoppi che rimandano di gran lunga l’incontro tra Tess e George. Un po’ per gli imprevisti di Lei, un po’ per gli imprevisti di lui, Tess e George, oltre a sembrare destinati ad essere l’uno la metà dell’altra, sembrano essere destinati anche a non incontrarsi mai.

Tess, nonostante sia fidanzata con Dominic, è comunque incuriosita da quest’uomo di cui tutte le sue amiche le raccontano e lo stesso vale anche per George.

Ma il destino ha deciso che ancora non è il loro momento. George conosce una bellissima donna d’affari, Stephanie. E’ una donna con molto successo nell’ambito lavorativo. Ha un carattere molto forte e determinato. Forse è questo l’aspetto che la rende affascinante agli oggi di George. Così, dopo una promozione della donna, entrambi si trasferiscono a New York. George è costretto ad abbandonare la band, che già in precedenza stava andando in frantumi e a dire addio per sempre alla possibilità di incontrare la sua anima gemella di cui i suoi amici gli hanno parlato a lungo.lasciare_andare

A New York, George, smette di suonare. Non si sente più motivato a continuare. Però viene spronato-quasi-costretto da Stephanie a impartire lezioni di pianoforte ai viziatissimi figli dei suoi colleghi miliardari. Stephanie si dimostra subito una donna arrogante e presuntuosa. Lo tratta come se fosse un bambino. Lo “mantiene” e gli da ordini sopra ordini.George sente che sta vivendo una vita che non gli appartiene. Non è felice e quando sta per lasciare Stephanie arriva la notizia bomba: la donna è incinta. George si sente in dovere di restare. Non vuole essere un padre assente per la sua piccola. Così decide di sposare la fidanzata. Iniziano gli accordi con lei. Stephanie lavorerà e lui starà a casa a badare alla figlia, Mia. George è più che felice di stare con la sua piccola. La ama immensamente e non può separarsene. Stephanie invece, è come se fosse stato uno sbaglio. Né una carezza, né una parola dolce alla piccola. Non le importa di sua figlia. Le importa solamente della carriera. George, ormai, è sempre più deluso dalla piega che sta prendendo la sua vita. Propone alla moglie di ritornare a Londra. Ma ottiene un no. Propone di tornare a suonare. Ma ottiene un no. Tutto quello che dice questa donna perfida è legge. Poi, però, a George arriva l’opportunità di staccare un po’ la spina. Suo padre è molto malato e vuole andare a fargli visita, prima che sia troppo tardi. Così, prepara una valigia e torna a Londra da solo per una settimana. Qui incontra il padre, che si dimostra come al solito diffidente e i suoi amici che invece si dimostrano commossi dal suo ritorno.

amicizia

George è deciso a staccare un po’ la spina. Così, decide di andare alla festa di compleanno di Kirsty. C’è molte gente in casa e un gran caos. Ma eccola lì. La vede. Non l’ha mai vista prima d’ora in vita sua, ma sa che è lei. Tess incontra il suo sguardo. Sa che è lui. Il cuore di entrambi inizia a battere fortissimo. E’ un colpo di fulmine. Le due metà si sono finalmente incontrare. Avevano ragione tutti quanti! Sono l’uno l’anima gemella dell’altra. Peccato che sembra ormai troppo tardi. Lei sta per sposare Dominic e lui ha una moglie e una bambina.

Se solo si fossero incontrati 10 anni fa!

Entrambi sanno cosa è giusto fare. Non devono fare nulla che possa farli pentire. Ma lui sa che lei lo capisce e lo stesso vale per Tess. Lui la conosce meglio di Dominic. Lei lo conosce meglio di Stephanie Lei sa che vorrebbe riprendere a suonare. Lui sa che il lavoro che fa lei non è quello che desiderava fin da piccola. Ma ormai è troppo tardi. Non c’è niente da fare. Entrambi sono impegnati e c’è di mezzo anche una bambina.

Così lui le dice addio e ritorna a New York.

mani-hands-distacco

La vita per entrambi non è più la stessa. Tess non fa altro che pensare a George. George non fa altro che pensare a Tess. Non sono felici separati. Tess decide che è ora di dare una svolta alla sua vita. Non vuole una vita di rimpianti e lascia Dominic. Lui è perfetto, comprensibile e premuroso. Ha solo un unico difetto. Non è la sua anima gemella.

Per George, invece, la situazione è più critica. Stephanie è sempre più distaccata e fredda nei suoi confronti e nei confronti della piccola Mia. Non accetta che George provi anche solo a pensare di dover tornare a suonare. Lui deve badare alla bambina. Punto! Non deve assolutamente pensare neanche a fare qualcosa che lei non voglia. Non si deve permettere a farlo!

Poi, però, George scopre che sua moglie lo sta tradendo. Lei risponde con un “Non sono affari tuoi!” (patetica s*****a!) e per di più lo lascia anche e gli vieta di vedere la bambina.

George è disperato. Non può vivere senza la sua piccola Mia. Passano settimane e arrivano ad un accordo. Quando Stephanie è a lavoro lui può tenere la bambina. Per adesso decide di accontentarsi e accetta l’accordo.

La voce del divorzio arriva anche a Londra, alle orecchie di Tess, che decide di mandare tutto all’aria e volare a New York.

Qui trova un George stressato, stanco e magrissimo. Non lo riconosce quasi. Sa che non è felice e sa anche che non è la vita che avrebbe voluto. I loro cuori stanno per sfiorarsi, ma poi arriva un malinteso e Tess scappa via e torna a Londra.

414yh

Che diavolo hai combinato George? Penserete voi! Non capisce cosa sia successo. Così dopo aver parlato con Stephanie, prende il primo volo con Mia e torna a Londra, usando la scusa del padre molto malato. Qui finalmente trova Tess, e dopo aver chiarito il malinteso, decidono di darsi una seconda possibilità.

Le due metà sono unite adesso!

anima-gemella-e1352551586473

TEMA AFFRONTATO

Credo che il tema affrontato in questo libro sia chiaro: l’amore. Questo è un amore che va altro ogni aspettativa. E’ un amore dettato dal destino e dalle coincidenze. Un amore tortuoso e ricco di ostacoli, ma che trova il suo dolce lieto fine.

Durante il racconto ho riscontrato una frase di un personaggio. Diceva così: Se non ci fosse lei, ci sarebbe qualcun’altra.

La frase è riferita ad una storia d’amore di uno degli amici di Tess. Questo personaggio sostiene che non esiste l’anima gemella. Crede, infatti, che se non fosse stato fidanzato con una persona, lo sarebbe stato con un’altra. Però, chi lo dice che magari non è proprio l’anima gemella?

L’amore nasce prima di tutto nel cuore, ed è quest’ultimo a imporre le leggi. Come si dice? Al cuore non si comanda! E’ proprio vero.

La leggenda di Platone, che già conoscevo, è il punto forte della storia. Tutto ruota intorno ai cuori di Tess e George, che, inconsapevolmente, si cercano, seppur non conoscendosi.

Quello loro, è un amore che va oltre ogni aspettativa. Non si conoscono, ma sanno di conoscersi. Non si amano, ma sanno di amarsi. E’ tutto un contrasto meravigliosamente meraviglioso.

L’anima gemella esiste, quindi non smettete di cercarla. Quando la troverete, la riconoscerete.

OPINIONE PERSONALE

Nonostante abbia scritto con molto enfasi la trama e tutto il resto, devo deludervi un po’: questo romanzo non mi ha particolarmente colpita.  Vi spiego i vari motivi.

  • La storia è narrata in terza persona. Se lo sapevo, vi assicuro che non avrei mai e poi mai comprato questo libro. Il motivo? Odio i libri che raccontano in terza persona. Trovo che sia molto rude il modo in cui avviene la narrazione. Preferisco mille volte la prima persona. Adoro sapere quello che pensa il protagonista. Mi coinvolge maggiormente e mi sento più parte integrante del discorso.
  • Troppi disse, rispose e pensò. Hanno reso la storia una vera e propria tortura. Hanno rallentato di gran lunga la lettura. Trovo noioso questo modo di narrare.
  • I personaggi sono noiosi. Troviamo una Tess che sta 10 anni con un uomo che non ama e che non ha in coraggio di lasciare. Un George che si accontenta e che fa da tappetino ad una donna perfida, spietata, manipolatrice, arrogante e chi più ne ha più ne metta.
  • Le vicende sono noiose. Il più delle volte leggo e soltanto di questi due tizi che si lamentano della loro vita senza mai dare una svolta. La maggior parte degli attimi narrati riguardano i protagonisti che si lagnano e stressano i loro amici con lamenti insopportabili.
  • Mancanza di suspance.  Le vicende sono scontate. Non c’è nessun colpo di scena! Nessuno! Roba scontata, come Stephanie che si dimostra una strega, Tess che lascia il fidanzato e George che mette incinta la fidanzata.
  • Lettura troppo lenta.  Questo avviene quando la narrazione è in terza persona. SI perde tempo a leggere i “disse” e “penso” e il più delle volte ho pensato “Basta!”
  • I personaggi si incontrano a malapena. Tralasciando stare l’irritante aspetto che si incontrano “solo” dopo ben 179 pagine! Il che è deprimente! Potete immaginare che ansia per queste 179 pagine, quando erano sempre a un soffio dall’incontrarsi e poi il caso voleva che non succedeva. Lasciando stare questo aspetto, non si incontrano quasi per nulla  Le ho contate! Si incontrano solamente 4 volte. Ne un bacio, ne una carezza, ne parole dolci. Niente! Tutto piatto e insignificante. Non c’è passione. Non c’è niente di tutto quello che mi piace leggere.
  • Finale che non mi ha convinto.  A parte il fatto che è finito senza nemmeno un attimo di tenerezza. Già solo per questo è bocciato come libro. Il finale arriva senza che tu te ne accorgi. Di punto in bianco, si ritrovano in un pub mentre lui suona e lei si accarezza la pancia con dentro la loro bambina che sta per nascere. Deludente, davvero!

Forse, l’unico aspetto che mi è piaciuto davvero è la dimostrazione della leggenda narrata da Platone. In fin dei conti, Tess e George, sono l’uno la metà dell’altra che vagano per il mondo alla ricerca dell’altro.

Però, sapete, non lo rileggerei di nuovo e credo anche che, se tornassi indietro e sapessi che la narrazione è in terza persona, non lo comprerei.

Tra titolo e narrazione c’è un abisso. Mi aspettavo un libro di grande portata. Forse mi aspettavo troppo e ne sono rimasta delusa per questo.

Mi ha piuttosto deluso. La cosa più deludente è il fatto che sia stato scelto come un New Adult, quando in realtà è tutto tranne questo genere. Penso che lo assocerò al Contemporary Romance.

La mia è una opinione soggettiva, quindi aspetto voi per i vostri commenti. Magari a qualcuno piacerà! 🙂incantevole imprevisto

Annunci

18 thoughts on “UN INCANTEVOLE IMPREVISTO – MARIANNE HAVANAGH

  1. Che dire………dopo aver letto la stupefacente trama da te narrata tutto mi aspettavo tranne che ti avesse deluso. Ma questo è proprio a testimonianza che la tua capacità di narrazione và oltre e questo mi piace profondamente è credo la principale dote di una scrittrice lasciamelo dire. Detto ciò a me la trama è piaciuta da morire…per non parlare dell’introduzione e dell’interpretazione su come “nasce il termine anima gemella”………….Mentre leggevo sono morta dentro quando sono arrivata al punto in cui dici “lui le dice addio e ritorna a New York” ma sapevo che se il tema era il destino poi doveva vincere il disegno del destino cosa in cui io credo molto.Amore profondo scolpito nel cuore che nulla può separare. Stupefacente la tua recensione presentazione e considerazioni!!!

    Liked by 1 persona

  2. si anch’io leggendo la trama mi aspettavo una conclusione diversa. Ma viste le premesse effettivamente ci si poteva aspettare di più. Bellissimo il tuo preambolo ed accurate anche le considerazioni in merito all’errore di categorizzazione New Adult. Il riferimento a Platone, visto l’argomento trattato, è di certo vincente. GRAZIE 🙂

    Liked by 1 persona

  3. Anche io l’ho letto e la penso come te! Noioso e insignificanti i personaggi, abbastanza deludente, anche se l’amore che vince sempre è un tema che da brava sognatrice sostengo a tutta forza! 🙂 Quindi W Platone, ma pollice verso per questo romanzo che è davvero piattino…!

    Liked by 1 persona

      1. Un tag è una specie di post “fatto in serie” .. in questo caso riguarda i libri. Ad ogni incantesimo di harry potter abbini un libro che hai letto e poi… Basta che segui le regole ^.^ riporti l’immagine con il logo del tag e nomini altre persone che porteranno avanti questo giochino 🙂

        Liked by 1 persona

      2. Vicino ad ogni incantesimo c’è scritto a cosa lo devi associare, per esempio: Expelliarmus: Un libro che ti ha sorpreso positivamente
        quindi in questo caso devi scrivere il titolo di un libro che ti ha sorpreso positivamente ^-^

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...